UNA MANO PER IL NEPAL

CHI SIAMO

Una Mano Per il Nepal è il blog dell’associazione Apeiron Onlus, impegnata dal 1997 a migliorare le condizioni di vita delle donne, in Nepal e non solo. Sul nostro blog leggerai storie e racconti del nostro lavoro quotidiano.

Sul nostro sito puoi trovare tutto sui nostri progetti.

PARTECIPA

Ti interessa il nostro lavoro e vorresti dare una mano? Ecco come puoi fare:

Scrivi per noi
Diventa amico di Apeiron
Dona ad Apeiron

CONTATTACI

Apeiron ODV
Via Oneglia 55
Cesena, Italia
info@apeironitalia.it
apeironitalia.it

Viaggio in Nepal, l’importanza di un viaggio consapevole

Tempo di lettura
Scritto da
Pubblicato il
1 Gennaio 2020
Commenti 1

Questa settimana sul blog Ilaria, donatrice e volontaria, racconta insieme a Max la sua esperienza di viaggio in Nepal e la sua visita a CASANepal. Una riflessione delicata sulla profondità e complessità del Paese che condividiamo con tutti voi, in particolare con chi vorrebbe presto visitare il nostro amato Stato himalayano! Se desiderate avere maggiori informazioni su come organizzare un viaggio in Nepal con il supporto di Apeiron, visitate il nostro sito!

Un taxi guidato da un signore dallo sguardo pacifico ci porta davanti al cancello di CASANepal. Sobbalzando tra le profonde buche nell’ultimo tratto di strada, rallenta e così possiamo vedere i visi curiosi che cercano di capire quale turista si possa addentrare in quella zona periferica. Ricambiano i nostri sorrisi, congiungendo le mani in segno di benvenuto.

Timorosi e fuori luogo bussiamo al cancello. “Cosa ci facciamo qui? Disturberemo!” ci chiediamo nei pochi istanti che passano dall’apertura del portone. “Namaste” una ragazza dal volto illuminato da un sorriso rilassato ci accoglie. I suoi occhi luminosi sciolgono il senso di inadeguatezza che ci si era incollato addosso.

Renu, psicologa, ci racconta la storia della casa, una ampia struttura la cui architettura richiama lo stile tradizionale newari. Ci viene in mente una riflessione di Bell Hooks sul diritto alla bellezza del luogo in cui si abita, sopratutto nei percorsi di accoglienza e riabilitazione.

Mentre ci guida tra le stanze luminose, incontriamo le donne e i loro bambini, affaccendate nei vari compiti giornalieri. C’è chi fa la maglia, chi prepara cibo, chi gioca con i bambini, chi si prende cura di se e dei figli. Stanno sedute in cerchio, in gruppo, giovani e adulte. Nel loro volti, nei loro gesti, nei loro saluti leggiamo una serenità riconquistata, il desiderio di vivere la quotidianità con dignità.

“Come stanno le ragazze qui?” “Bene, apprezzano avere le comodità di questa nuova casa…i bagni in muratura, l’acqua corrente”.

Siamo solo al secondo giorno in Nepal e banalmente continuiamo il discorso, parlando dei percorsi lavorativi e delle possibilità future.

È solo qualche giorno dopo, durante un trekking tra i villaggi ai piedi dell’Himalaya, in case inerpicate su ripide salite a cui ci si accede con sentieri lastricati da pietre, scivolose e umide dopo un acquazzone, sento riecheggiare quelle parole. Donne e bambine con pesanti recipienti in metallo procurano l’acqua. Le donne nei cantieri, sotto il sole cocente, come riusciranno a lavare via la polvere del cemento? Dopo quella mattina, viviamo il Nepal con uno sguardo attento. In paese bellissimo, ricco di natura e storia, le persone vivono in modo molto semplice, spesso con meno del minimo necessario, ma che sono pronti a condividere con noi viaggiatori.

Durante le lunghe camminate in città, attraversando quartieri ai margini delle zone centrali, scorgiamo stanze adibite a casa, condivise da tutta una famiglia. Un fiore, un bicchiere di the, uno sgabello per sederci e riposare, un saluto. Riceviamo sempre qualcosa. Ma ci interroghiamo spesso sulla loro quotidianità, la scuola lontana, i bagni essenziali, i lavori pesanti, le condizioni che giocano un ruolo fondamentale nella vita delle donne.

Per conoscere un paese lontano, poter visitare CASANepal con il supporto di Barbara è stata un’esperienza con cui abbiamo maturato una maggior consapevolezza sulla realtà in cui viaggiavano.

Ilaria & Max

 

*

I commenti dovranno essere approvati prima della pubblicazione.

Condividi
Commenti (1)
  • Daniela Valpiani

    Fantastico! Ilaria e Max hanno colto lo spirito! Il Kharma…che si respira negli occhi e nel cuore di questa gente…innocente e felice…nonostante tutto. ..Per non perdere per sempre la Meraviglia e il Larissa ..generato dalla Montagna…facciamo qualcosa per la nostra terra!
    Grazie ! ILARIA E MAX!!