UNA MANO PER IL NEPAL

CHI SIAMO

Una Mano Per il Nepal è il blog dell’associazione Apeiron ODV, impegnata dal 1996 a migliorare le condizioni di vita delle donne, in Nepal e in Italia. Sul nostro blog leggerai storie e racconti del nostro lavoro quotidiano.

Sul nostro sito puoi trovare tutto sui nostri progetti.

PARTECIPA

Ti interessa il nostro lavoro e vorresti dare una mano? Ecco come puoi fare:

Scrivi per noi
Diventa amico di Apeiron
Dona ad Apeiron

CONTATTACI

Apeiron ODV
Via Silvio Corbari, 175
47521 Cesena (FC)
info@apeironitalia.it
apeironitalia.it

Le Montagne del Nepal e dell’Himalaya tutto

Tempo di lettura
Pubblicato il
11 Luglio 2022
Commenti 4

Montagne famose in tutto il mondo

Le montagne di quella parte del mondo sono le più alte del mondo e sono ambite, desiderate e sognate da molte persone. Scalatori professionisti e non, alpinisti, trekkers, camminatori e sognatori. Chi in cerca di record, di primati, di sfide, di soddisfazioni personali e altri per confrontarsi con il proprio limite o in cerca di risposte esistenziali.

Si incontrano persone di ogni genere e che arrivano da ogni parte del mondo sulle vie verso le montagne fra le più alte e belle del mondo. Chi non ha mai anche solo sentito nominare o letto nomi come Everest, Lhotse, Makalu, Annapurna o molti altri ancora, magari anche nei diversi nomi che le diverse lingue dei luoghi attribuiscono loro.

Delle 14 montagne più alte al mondo ben 8 si trovano in Nepal: tre di queste appartengono esclusivamente al Nepal, mentre le altre condividono i versanti con altri stati come Tibet e India.

Per gli abitanti di questi luoghi maestosi le montagne hanno un significato completamente differente di quello che hanno per chi le visita durante i trekking oppure durante le spedizioni: per loro sono luoghi estremamente sacri, trattandosi delle dimore degli Dei.

Le montagne sono sacre

Divinità della tradizione Induista o Buddhista abitano le loro cime, circondati da leggende e tradizioni antichissime. Leggende e storie che raccontano da millenni le vite e le azioni di queste divinità che hanno creato e formato il mondo. Dei e divinità che trascorrono lunghi periodi in meditazione sulle cime e che, all’occorrenza, partono per combattere feroci battaglie contro esseri malvagi che tentano di distruggere i principi di giustizia e lealtà.

Prima di avvicinarsi alla montagna si chiede il permesso alla stessa e alla sua divinità attraverso offerte, preghiere e Puja. Si offre loro cibo, fiori e preghiere, recitate o stampate sulle bandierine colorate della tradizione buddhista. Ancora oggi, in parte, questo viene fatto per chiedere il permesso di salire la montagna da parte delle tante spedizioni che raggiungono le varie vette.

Certamente oggi viene fatto con molta più leggerezza e spesso come atto di folklore specialmente da parte dei tanti scalatori e alpinisti occidentali, ma c’è ancora una grande fetta di popolazione che ci crede profondamente, anche se fame e stenti li hanno costretti da lungo tempo a mettere le loro credenze più profonde da parte per accompagnare gli stranieri in queste loro avventure e potere così nutrire le loro famiglie e assicurare ai loro figli una vita migliore e meno pericolosa.

Gli stranieri più attenti cercano di rispettare questa loro credenza rimanendo al di sotto di qualche metro dalla vetta vera e propria come segno di rispetto, soprattutto per le vette considerate le più sacre.

Kailash, luogo sacro tra le montagne

La montagna più sacra di tutte e alta solo (si fa per dire) 6638 metri e si trova in Tibet. Il Kailash è uno dei luoghi più sacri per la fede buddhista, ma è anche la dimora di Shiva, potente Dio induista.
Dal Kailash nascono i maggiori fiumi di tutta l’Asia, come ad esempio l’Indo e il Brahmaputra.
Il Kailash non è mai stato scalato in considerazione della sua sacralità, ma ogni anno migliaia di fedeli tibetani e pellegrini di altre fedi compiono la Kora, è il percorso intorno alla montagna che raggiunge quote di 5600 metri di altezza. Ogni buon tibetano è tenuto a compiere la Kora del Kailash almeno una volta nella vita.

Milarepa, famoso mistico e poeta tibetano del decimo secolo recitava riferendosi a quei luoghi: “Lassù tra quelle aride e assolate pietraie si svolge uno strano mercato. Puoi barattarvi il vortice della vita per una beatitudine senza confini”

*

I commenti dovranno essere approvati prima della pubblicazione.

Condividi
Commenti (4)
  • Sergio vincenti

    Brava Loredana hai espresso con estrema leggerezza ma con precisa fede Buddista l’essenza di un popolo che ancora dovrà lottare per conquistare le vette di una società an ora ostile . Sergio

    • Grazie mille Sergio!

  • Giuliana

    Grazie!
    Bellissimi ricordi.
    Sono molto felice perchè le persone che mi hanno accompagnato mi hanno trasmesso tutto questo.
    Montagne sacre. Rispetto e attenzione.
    Grazie

    • Grazie Giuliana, siamo d’accordo con te! Un bellissimo ricordo legato ad un viaggio con persone speciali!